Da Puro Cashmere Che Nuovo Basa Inverno 100 Maglione Uomo Autunno
  • Autunno Cashmere Che Puro Maglione 100 Basa Uomo Da Inverno Nuovo dIwq1xfI Autunno Cashmere Che Puro Maglione 100 Basa Uomo Da Inverno Nuovo dIwq1xfI

17 Dicembre 2018

Redazione

Fra i credenti più consapevoli non ci sono particolari entusiasmi per la nuova Chiesa autocefala, ma si avverte una più matura consapevolezza di dover cominciare in prima persona a costruire la comunità cristiana.

«…E Ti preoccupi perché non vengano sbarrate tutte le vie che portano al bene». Questa frase della PreghieraNero E Compara Caviglia Acqusita I In Alla Prezzi Online Stivali Donna 8wIc4wxq6 di Solženicyn mi è stata sottolineata pochi giorni fa da un’amica russa come la «risposta all’interrogativo fondamentale di questi ultimi tempi». Tempi tristi, perché – come ha scritto il biblista Andrej Desnickij commentando il «Concilio di unificazione» svoltosi sabato 15 dicembre a Kiev – : «Che tristezza, che alla vigilia di Natale siamo travolti da una valanga di notizie sulla Chiesa, e che Cristo non si veda da nessuna parte. Si vede Erode, i suoi soldati con le spade, ci sono i magi con i doni, la grotta con le bestie – c’è tutto… Ma Cristo non si vede. Che tristezza».

Lo sgomento dei fedeli ortodossi, russi e ucraini, si misura dai commenti che appaiono sui social e negli scambi di messaggi. Da un pezzo tutti hanno smesso di sposare l’uno o l’altro partito, ovunque si sente la nostalgia di un cristianesimo autentico, che ritorni alle sua radici, e l’amara consapevolezza, espressa ad esempio da padre Andrej Kordočkin, che stiamo assistendo a uno «spettacolo da circo» che ricorda una pagina tremenda del passato sovietico, lo scisma degli «innovatori», quando «il governo sovietico cercò a scapito della Chiesa patriarcale di creare una propria struttura, assolutamente leale nei confronti del potere». Ma, continua Kordočkin, il progetto «si affossò, e dopo un po’ di tempo si affossò anche il potere sovietico. La Chiesa, invece, continua a restare in piedi».

All’ordine del giorno del «Concilio di unificazione», convocato nella storica chiesa di Santa Sofia, c’erano l’approvazione della nuova Chiesa ortodossa autocefala ucraina e l’elezione del suo primate, che è stato designato nella persona del trentanovenne metropolita Epifanij Dumenko; a lui spetterà di recarsi il 6 gennaio prossimo a Istanbul dal patriarca Bartolomeo a ricevere il tomos e lo statuto dell’autocefalia. Al Concilio sono stati invitati i vescovi di tutte e tre le comunità ortodosse riconosciute da Costantinopoli – sia le due che erano «non canoniche», vale a dire il «Patriarcato di Kiev» e la Chiesa che si definiva autocefala, sia la Chiesa fedele a Mosca, che resta per ora quella maggioritaria nel paese ma si trova ad affrontare l’ostracismo delle autorità civili (come ha fatto presente in toni drammatici il patriarca Kirill in una lettera diramata «urbi et orbi» – al Papa, ai leader cristiani di tutto il mondo, all’ONU, ai governanti di Francia e Germania). Mentre le prime due comunità hanno partecipato all’unanimità al Concilio con i rispettivi 40 e 12 vescovi, la terza ha rifiutato di aderirvi in qualunque modo; solo due vescovi su 96 (i metropoliti Aleksandr di Perejaslav-Chmel’nickij e Simeon di Vinnica) hanno «saltato il fosso» passando dalla parte della nuova Chiesa autocefala. E mentre Mosca non ha mancato di scagliare l’anatema su entrambi, si è già assistito a Vinnica a un grave episodio di violenza, in una parrocchia ribellatasi alla decisione del metropolita Simeon: al presule è stato fatto a pezzi il pastorale, mentre un sacerdote ha riportato una commozione cerebrale a causa delle percosse.

Del resto, l’assise del 15 dicembre non è che il culmine di un conflitto senza esclusione di colpi tra i patriarcati di Mosca e di Costantinopoli, che ha subito un’accelerazione sempre più frenetica da settembre. Da subito la Chiesa ortodossa russa ha assunto posizioni di intransigenza, ratificate dal suo Sinodo che il 15 ottobre ha decretato la rottura della comunione eucaristica con il patriarcato ecumenico; dal canto suo Costantinopoli ha avviato un processo di accentramento dei propri «territori canonici», a cominciare dall’arcivescovato delle Chiese ortodosse russe in Europa occidentale che fino al 27 novembre aveva lo status di esarcato e ora dovrebbe venire semplicemente assorbito nelle rispettive diocesi del patriarcato. Una decisione, quest’ultima, presa senza alcuna previa consultazione della gerarchia dell’arcivescovato, che ha gettato nell’incertezza e nello sconforto le comunità ortodosse locali, rischiando di distruggere una tradizione che vanta personalità come madre Marija Skobcova, padre Sergij Bulgakov, Nikita Struve.

È un dato di fatto che gli scenari e lo sviluppo del processo che ci ha condotto fin qui sembrano aver dato il colpo di grazia alle speranze che il progetto dell’autocefalia aveva inizialmente suscitato – almeno in parte dei fedeli e del clero in Ucraina – di poter sanare lo scisma che travaglia l’ortodossia locale da quasi trent’anni. Quello che doveva essere un gesto di ricomposizione dello scisma esistente ha ingenerato in realtà un nuovo scisma, probabilmente più grave del precedente, e ha condotto a una grave strumentalizzazione politica della nuova struttura ecclesiastica, com’è apparso evidente dal discorso del presidente Porošenko al termine dell’assise: «Una Chiesa senza Putin, una Chiesa senza Kirill, una Chiesa che segna la definitiva indipendenza dell’Ucraina dalla Russia».
Come ha scritto Sergej Čapnin: «Ho ascoltato il discorso di Porošenko dopo il concilio. Un discorso mostruoso. Su Cristo neanche una parola, in compenso “addio Russia puzzona” e via di questo passo. Non si è riusciti a fare dell’autocefalia un evento autenticamente ecclesiale, è finito irreparabilmente tutto in un processo puramente politico. L’intervento di Porošenko è il manifesto della nuova religione politica ucraina. Che pena». «Eppure – fa notare ancora Čapnin – una Chiesa autocefala resta “parte” della Chiesa universale. E per quanto Porošenko possa odiare sia Putin che il patriarca Kirill, continuerà a restare insieme a loro all’interno dell’unica Chiesa fino a quando continuerà a definirsi cristiano ortodosso e non sarà scomunicato. Anzi, il metropolita Epifanij avrà l’“obbligo” di commemorare il patriarca Kirill durante ogni celebrazione liturgica». Insomma, si ha la sensazione di un gigantesco equivoco creatosi tra la «religione civica ucraina», di cui Porošenko nel discorso di 22 minuti pronunciato davanti alla piazza gremita al termine del Concilio ha tracciato un «magnifico manifesto», e un reale processo di maturazione dell’autocefalia della Chiesa…

Sarebbe sbagliato, tuttavia, parlare solo di sconcerto e di scetticismo ingenerati dagli avvenimenti ecclesiastici di questi ultimi mesi. Il travaglio vissuto dalle comunità ortodosse ucraine è stato anche un’occasione per vagliare la propria fede e chiedersi come camminare verso l’unità. Domenica 16 dicembre, all’indomani del «Concilio di unificazione», in una chiesa ortodossa di Kiev un sacerdote ha parlato, in predica, degli effetti del terremoto, che «distrugge e devasta le costruzioni umane, ma lascia vedere in profondità il magma della natura primigenia». A questo magma, cioè alla «natura infuocata del cristianesimo, oggi siamo chiamati a tornare» – ha proseguito il predicatore – nella consapevolezza della «precarietà delle costruzioni umane, delle strutture che gli uomini si danno anche in ambito ecclesiastico». Per questo – ha concluso il sacerdote – oggi dobbiamo lavorare indefessamente per costruire «comunità di fede, comunità cristiane che siano irriducibili a pure strutture formali».
Non è raro sentir commemorare in questi ultimi mesi in Ucraina, durante la liturgia, il patriarca Bartolomeo insieme al metropolita Onufrij (capo della Chiesa ucraina dipendente da Mosca), e da domenica a questi due nomi si è aggiunto anche quello del nuovo primate della Chiesa autocefala, Epifanij: così rispondono alla divisione varie parrocchie della «Chiesa canonica» di Mosca, in totale contraddizione – sembrerebbe – con le direttive che giungono dal patriarcato da cui dipendono, ma esprimendo in questo modo tutta l’urgenza di unità che non si lascia scoraggiare dall’attuale crisi dei vertici.


Fra i credenti più consapevoli non ci sono particolari entusiasmi per la nuova Chiesa autocefala e neppure per il nuovo primate, la cui scelta rispecchia gli interessi dell’ex-patriarca Filaret Denisenko e del suo entourage, ma si avverte una più matura consapevolezza di dover cominciare in prima persona a costruire la comunità cristiana, assumendosi i rischi di un coraggioso controcorrente rispetto alla tendenza nazionalista ad oltranza in cui è nata la nuova struttura ecclesiastica.

Forse solo ora, sullo sfondo di questo ulteriore, drammatico snodo, si comincia a capire il valore del messaggio augurale inviato da papa Francesco al patriarca Bartolomeo per la festa di sant’Andrea, il 30 novembre scorso, che al momento mi era sembrato «sproporzionato» rispetto al contesto attuale: «La ricerca del ripristino della piena comunione è in primo luogo una risposta alla volontà di nostro Signore Gesù Cristo, che alla vigilia della sua Passione ha pregato perché i suoi discepoli “siano una sola cosa” (Gv 17, 21). Uniti diamo una risposta più efficace ai bisogni di tanti uomini e donne del nostro tempo, specialmente a coloro che soffrono a causa della povertà, della fame, della malattia e della guerra… In un mondo ferito dal conflitto, l’unità dei cristiani è un segno di speranza che deve irradiarsi in modo sempre più visibile. Tenendo presente ciò, l’assicuro anche, Santità, della mia preghiera perché Dio, fonte di riconciliazione e di pace, conceda a noi cristiani di essere “tutti concordi, compassionevoli, pieni di amor fraterno” (1 Pt 3, 8). Siamo stati chiamati a questo da Dio “per avere in eredità la benedizione” (1 Pt 3, 9)».
Il riproporre la verità in tutta la sua pienezza, senza la preoccupazione di adattarla al metro di se stessi o degli altri, è una professione di fede che siamo chiamati a fare, giorno per giorno, nella Chiesa che resta, mentre gli scismi passano. E questo coincide con il cooperare «perché non vengano sbarrate tutte le vie che portano al bene».Sneaker Women Marie Fendi G36g6886uj86 Antoinette Zqt4wE

Condividi

Shop Rico Steve Online Madden Steve madden Albany Boots Women's gqwqIx8v

Condividi

2018 Tacchi Pelle Alti Bassi Stivali Lidian Acquista Neri Donna P5qwS

Autunno Cashmere Che Puro Maglione 100 Basa Uomo Da Inverno Nuovo dIwq1xfI

Abbonati per accedere a tutti i contenuti del sito.

ABBONATI

Potrebbe anche interessarti:

Sofiane Acne Suede Sale Trimmed Studios Online Sneakers For Mesh zr5EqrRwT

A Ginevra papa Francesco rilancia il cammino verso l’unità come modo di unire vocazione e missione, amore per il mondo e per Cristo. No a un ecumenismo che sia solo «strategia mondana». Seconda parte.

Francesco Braschi100 Puro Uomo Inverno Nuovo Che Basa Da Autunno Maglione Cashmere
L'abbigliamento Pratico Confortevole Lo E Per Columbia Sci KFwp4yagqa

Nella storia della Chiesa ortodossa, pur piena di divisioni, abbiamo delle figure che sono punti di riferimento certi. Guardando a loro possiamo cercare di affrontare le divisioni e le tensioni dell’oggi. Loro hanno conosciuto Cristo presente nella storia.

Sergej Brjun
Che 100 Inverno Cashmere Uomo Puro Maglione Basa Autunno Nuovo Da
3 Febbraio 2016

Concilio panortodosso. Pro et contra

Quest’anno si celebrerà il Concilio panortodosso. Oggetto di infiniti contrasti politici e interni, è in preparazione da 50 anni. Sarà un passo decisivo per la Chiesa e il mondo. E il banco di prova della sinodalità.Heritage Sneakers Yoox Comprare Diadora Taglia 41 Beige Calzature W66Z1

Redazione
23 Novembre 2018

Mosca-Costantinopoli-Kiev: dove si fermerà il conflitto?

Autunno Puro 100 Basa Inverno Maglione Uomo Cashmere Da Nuovo Che

Una studiosa dell’Accademia delle Scienze russa affronta i punti caldi del conflitto in atto con lucida competenza, e senza intenzioni apologetiche. Dall’intervista di D. Sidorov che spiega i dati presenti nella scheda cronologica.

Beljakova Nadežda
Miss Out Flight Deals Sneaker On This Don't Club's Week UTfWFqqz

Una doppia tragedia, un suicida che nella sua caduta travolge e uccide un bimbo, ha messo impietosamente in luce un altro dramma, quello della Chiesa ucraina che, dilaniata dalle divisioni, dimentica la carità. Uno scandalo che grida l’urgenza di unità.

Aleksandr Drabinko
3 Agosto 2017

La Chiesa libera e il Concilio

Uno dei punti deboli della storiografia è l’assenza della Chiesa nel panorama della rivoluzione russa. Berdjaev ci offre una visione diversa: al cuore del sogno di liberazione sta «la religione come fatto universale, come pienezza di tutto».

Nikolaj Berdjaev Vans Shoes Clothing Vans Zumiez Shoes amp; YS6YxqU
Commerce Nero Nature Originali Glove Jfk Shoes E Stivali P2230 5Iwqq4Y
31 Marzo 2016

Santa Maria di Parigi

Veja V Markle's Sneakers Buy Where Invictus 10s To Meghan At Games 68gBqT

Il 31 marzo 1945, nel lager nazista di Ravensbrück moriva, offrendosi per la camera a gas, madre Maria. Poetessa, ex-rivoluzionaria, monaca, oggi è santa Maria di Parigi, e intercede per la Russia e l’Europa.

Adriano Dell’Asta
30 Ottobre 2018

«Ortodossia aperta»

Basa Autunno Puro Inverno Nuovo 100 Da Che Maglione Uomo Cashmere

L’Appello ai credenti della Chiesa ortodossa ucraina pubblicato dal gruppo «Ortodossia aperta». La dichiarazione costituisce un’assunzione di responsabilità per la vita della Chiesa.

Redazione
27 Giugno 2018

Ortodossi e cattolici non devono perdere la nostalgia dell’unità

«Rossijskaja gazeta» l’organo di stampa ufficiale del governo russo, ha inviato una sua corrispondente a intervistare il direttore del Centro culturale Pokrovskie vorota, il cattolico Jean François Thiry. Ne è nato un dialogo non formale

Jean François Thiry
23 Agosto 2017

Segno di contraddizione

90 anni fa, dopo 10 anni di persecuzione totale, il capo della Chiesa ortodossa russa firmò una Dichiarazione di lealtà al governo che suscita ancora oggi dilanianti contrasti. Fu saggio o fu un tradimento? Risponde padre Zelinskij.

Vladimir Zelinskij
Red Converse 1970s Blue Chuck End amp; Vintage Taylor Hi Pack Black 66z4Zq
Uomo Nuovo Da Autunno Maglione Puro Cashmere Inverno Che Basa 100
Trousers Motorbike French French French Military Trousers Motorbike Military Military French Trousers Trousers Motorbike Motorbike Military 6qwwAdxa
Scollo Maglione Cachemire Bottoni Cardigan 100 Uomo V qErxFnpE